il cilento

Luoghi d’arte e Musei

Tra i tanti luoghi d’arte presenti nel Parco, vanno certamente annoverati i tre principali attrattori culturali di importanza nazionale ed internazionale che hanno permesso al Parco di
gloriarsi del prestigioso riconoscimento di Patrimonio Mondiale dell’Umanità rilasciato
dall’UNESCO.
Velia, patria dei filosofi Parmenide e Zenone

Paestum, un’antica città della Magna Grecia

– La Certosa di San Lorenzo di Padula

La costa con 12 bandiere blu
Patrimonio dell’umanità dall’Unesco.
Il Cilento è sicuramente una delle zone più belle e selvagge della Campania. Grazie alla varietà dei paesaggi, alla sua natura e alle sue meravigliose spiagge incontaminate è stato dichiarato, nel 1998, patrimonio dell’umanità dall’Unesco. Ed è proprio in questo pezzo di terra, che va dalla golfo di Salerno, fino al golfo di Policastro che si trovano le spiagge più belle del Cilento.
Prima di scoprire quali sono e dove si trovano le spiagge più belle del Cilento, bisogna
assolutamente sapere che nel 2016, sono state  12 le bandiere blu assegnate alle spiagge
cilentane, grazie al mare limpido e pulito, alle spiagge eccellenti ed ai servizi di qualità.
Le spiagge più belle del Cilento
Spiaggia di Marina di Ascea
La spiaggia di Ascea è situata nel cuore del tratto costiero del Parco Nazionale del Cilento e del
Vallo di Diano. Si tratta di un’immensa distesa di sabbia soffice e dorata lunga chilometri, orlata da macchia mediterranea e da bellissimi ulivi secolari.
A sud del litorale, troverete delle dune dove, da luglio a settembre, spunta lo splendido giglio di
mare, soggetto al divieto di raccolta. È una spiaggia adatta a tutti, per i suoi bassi fondali ed il
mare calmo, mentre durante il pomeriggio è quasi sempre ventosa. Lunga circa 5 km, la spiaggia culmina con una piccola insenatura delimitata da una scogliera, al cui apice sorge la Torre del Telegrafo, dove poter stare in tranquillità.

Cala d’Arconte – Marina di Camerota
Tra le spiagge di Marina di Camerota si trova la magnifica Cala d’Arconte. La spiagga Cala
d’Arconte, si trova a 2 chilometri da Marina di Camerota e a 6 chilometri a sud di Palinuro.
Incastonata tra le scogliere rocciose ricoperte di pini marittimi ed ulivi secolari la spiaggia si
presenta con sabbia dorata e fine, caratterizzata da un passeggiata a mare molto larga e lunga
qualche centinaio di metri.
Qui il mare è limpido, ed i fondali sono profondi e sabbiosi.

Cala Bianca – Marina di Camerota
La spiaggia Cala Bianca è stata dichiarata, nel 2013, la spiaggia più bella d’Italia da Legambiente.
Qui troverete uno dei mari più belli e puliti d’Italia. Il suo nome deriva dalla bellissima distesa
di sabbia mista a piccoli ciottoli bianchi che formano la spiaggia. La spiaggia di Cala Bianca, circondata ed immersa nella macchia mediterranea, è raggiungibile solo in due modi, il primo è in barca da Marina di Camerota, oppure a piedi attraverso un sentiero nel quale si trovano resti di costruzioni usate in passato per essicare e cuocere la creta rossa.
COME RAGGIUNGERE LA SPIAGGIA DI CALA BIANCA:
arrivati a Pozzallo, bisogna costeggiare il bar a destra e poi prendere il sentiero. Bisogna
attraversare il boschetto. Non appena si trova un indicazione con su scritto “baia degli infreschi 0.35 min”, proseguire dritto per qualche minuto e poi sulla destra (lato mare) si trova un passaggio verso la scogliera. Da Pozzallo sono 20 minuti a piedi, ne vale davvero la pena!

Spiaggia del Buondormire – Palinuro
La spiaggia del Buondormire è tra le più conosciute spiagge di Palinuro, si trova esattamente nel cuore della Costiera Cilentana, ed è uno dei luoghi più suggestivi del Cilento in quanto sembra di
essere in Thailandia.
Qui troverete un paesaggio surreale, la spiaggia è famosa per i colori incredibili del mare,
qui l’acqua è limpida e color smeraldo, la sabbia è dorata e finissima. Di fronte a questa spiaggia c’è il cosiddetto scoglio del coniglio.
COME RAGGIUNGERE LA SPIAGGIA DEL BUON DORMIRE:
dal Porto di Palinuro partono, quasi ogni mattina, delle barche che portano i passeggeri sulla
spiaggia del Buon Dormire e nel pomeriggio tornano a riprenderli. Il costo del biglietto è di circa
10€, ma esso può essere soggetto a variazioni. È bene raggiungere la biglietteria del porto per
informarsi su orari e prezzi, inoltre in condizioni metereologiche avverse il servizio potrebbe essere sospeso.

Spiaggia dell’Arco Naturale – Palinuro
Una delle spiagge più conosciute del Cilento è la spiaggia dell’Arco Naturale a Palinuro. È stata la
location di molti film quali: Argonauti 2, Ercole alla conquista di Atlantide e Scontro di Titani. La spiaggia, un misto di sabbia e roccia, è famosa per il suo arco, da cui prende il nome. È il punto di partenza per le escursioni alle grotte di Capo Palinuro. La maggior parte dei turisti che si reca sulla spiaggia è costituita da giovani. Grazie all’arco naturale particolarmente suggestivo al tramonto quando la luce fa capolino dalla monumentale finestra, la spiaggia si propone come
uno degli scenari più belli e incredibili al mondo.

Cala degli Infreschi – Marina di Camerota
La spiaggia Cala degli Infreschi è così conosciuta per via delle differenti temperature dell’acqua
del mare, infatti in superficie l’acqua è più fresca e man mano che si scende in profondità si
riscalda.
Grazie alla miriade di colori e al paesaggio mozzafiato questa spiagga deve essere assolutamente vista.
COME RAGGIUNGERE CALA DEGLI INFRESCHI:
La Cala degli Infreschi è raggiungibile via mare oppure a piedi attraverso un sentiero fitto di vegetazione, a partire da Pozzallo.

Spiaggia Baia di Trentova – Agropoli
La spiaggia di Trentova è un piccolo angolo di paradiso sito ad Agropoli, una delle spiagge del
Cilento più frequentate e amate dai turisti, anche durante le calde serate primaverili. È stata
denominata Trentova perché in una delle sue grotte si nascondevano 30 uova di tartaruga marina. Il mare è cristallino e azzurro, i suoi colori vanno dal verde smeraldo al blu intenso in certi punti, mentre i fondali sono bassi quindi è adatta a famiglie con bambini piccoli.

Itinerari
Il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano è un crocevia di numerosi antichi sentieri e
rappresenta, lungo l’Appennino meridionale, un’importante nodo nella rete escursionistica nazionale. Camminando lungo gli antichi itinerari che conducono ai luoghi più suggestivi del
parco, tra panorami e paesaggi che spaziano dal mare, alla collina e alla montagna, la natura
incontaminata di questa area protetta incanta e seduce.
L’Ente Parco, preposto alla tutela ed alla valorizzazione del territorio con particolare
riferimento alle sue eccellenze, promuove la pratica dell’escursionismo, inteso come disciplina
non competitiva: “Camminare per conoscere e tutelare”. Tale approccio, insieme alla creazione
di una rete di sentieri percorribili, attua un modello gestionale che consente di valorizzare il
territorio protetto dal punto di vista ambientale, economico e sociale, anche mediante la
riscoperta del suo immenso patrimonio culturale, in un processo di accrescimento della
consapevolezza da parte delle comunità locali.
Infine, è un modo per promuovere il trekking, inteso non solo come pratica motoria, ma
soprattutto come strumento per scoprire l’ambiente, il territorio e la cultura delle comunità
locali, valorizzando il tema del turismo della lentezza di qualità, centrato sull’escursionismo,
forma di conoscenza, fruibilità e valorizzazione del territorio.
Per maggiori informazioni rivolgersi alle Guide Ufficiali ed Esclusive che hanno curato le
proposte di escursioni nel parco.

Percorsi suggeriti in collaborazione con “Il Parco del Cilento e Vallo di Diano”

(clicca sui titoli per maggiori dettagli)

A guardia del Cilento
S. Severino di Centola e Roccagloriosa
Partenza: San Severino
La selvaggia bellezza della natura
La Grotta e la risorgenza dell’Auso
Partenza: Ottati
C’era una volta il mare
Da Velia a Punta del Telegrafo
Partenza: Velia (Ascea Marina)
II mistero dell’Antece e la Grotta di S.Michele Arcangelo
Sui Monti Alburni
Partenza: Sant’Angelo a Fasanella
II Monte Cilento
Monte della Stella e Rocca Cilento
Partenza: Omignano
Il Castello fantasma
Il Monte di Capaccio Vecchio
Partenza: Capaccio Vecchio – c/o santuario Madonna del Granato
La Costa delle Sirene
Punta Licosa e Museo del Mare
Partenza: Punta Licosa (San Marco di Castellabate)
La Valle dei Mulini
Un percorso tra storia e natura
Partenza: Stio
La Valle solitaria
Laurino e la Grava di Vesalo
Partenza: Loc. Gorgonero Laurino
Le Perle del Cilento
Le grotte e il centro storico di Castelcivita
Partenza: Piazzale ingresso grotte
Nel cuore della Terra e della Memoria
La gola del torrente Sammaro e Roscigno Vecchio
Partenza: Sacco

Nel regno della lontra
Le gole del fiume Calore
Partenza: Felitto loc. Remolino
Nelle viscere della Terra
Morigerati e la grotta del Bussento
Partenza: Morigerati
Santuario Rupestre di San Mauro Martire
Dove la natura si coniuga con la fede
Partenza: Capizzo
Tra la sacralità del Monte
L’antico sentiero dei pellegrini da Novi Velia al Monte Gelbison
Partenza: Novi Vellia
I Prodotti del Cilento e Vallo di Diano
Il Cilento è una terra ricca di tradizione agricola ed artigianale.
Le attività agricole che si svolgono ancora con metodologie tradizionali e non intensive danno
vita a prodotti di genuina qualità che stanno all base della famosa “dieta mediterranea”.
L’intensa attività artigianale crea prodotti di singolare bellezza e di maestria assoluta.

I principali prodotti tipici

I Formaggi
Caciocavallo Podolico
Cacioricotta del Cilento
Mozzarella di Bufala Campana DOP
Pecorino
La Frutta

Fico bianco del Cilento
Fico Monnato
Marrone di Roccadaspide IGP

l’Olio
Oli extra vergini di oliva DOP

Ortaggi e legumi
Carciofo bianco di Pertosa
Carciofo Tondo di Paestum Igp
Cece di Cicerale

Fagioli di Casalbuono
Fagiolo di Controne
Maracuoccio di Lentiscosa

I comuni del Cilento
(clicca sul link per avere le principali informazioni su tutti i Comuni cilentani)